Cerca riferimento normativo calcolo parcelle



Riferimenti normativi calcolo parcelle

Stampa

Circolare Min. LL.PP. 1 dicembre 1969 n. 6679 - Prestazioni Urbanistica

Postato in Normativa nazionale ingegneri e architetti

CIRCOLARE MINISTERIALE LL.PP. 1° DICEMBRE1969, n. 6679

Tariffa professionale per le prestazioni urbanistiche - Tariffa degli onorari per le prestazioni urbanistiche degli ingegneri e degli architetti.

Art. 1. - Premessa.
Art. 2. - Norme generali.
Art. 3. - Prestazioni.
Art. 4. - Piano territoriale di coordinamento - 1/A.
Art. 5. - Piano regolatore a livello comprensoriale 
Art. 6. - Piani generali di settore - 1/C
Art. 7. - Programma di fabbricazione e regolamento edilizio - 1/D
Art. 8. - Piani particolareggiati e di zona (lottizzazioni) - 2/A
Art. 9. - Piani particolareggiati di risanamento e conservazione - 2/B
Art. 10. - Compensi a tempo
Art. 11. - Spese da rimborsare
Art. 12. - Disposizioni varie
Tabella A
Tabella B

Art. 1. - Premessa.
La presente tariffa ha carattere nazionale. Essa stabilisce gli onorari e dispone circa il rimborso delle spese per le prestazioni professionali degli Ingegneri e degli Architetti iscritti nei rispettivi albi ed è valida e vincolante nei confronti sia dei privati che nello Stato e degli enti Pubblici.
Gli onorari stabiliti nella presente tariffa costituiscono minimi inderogabili ed ogni patto contrario è nullo. Ogni maggiorazione dei predetti minimi dovrà essere preventivamente concordata con il Committente.
Qualsiasi integrazione, modifica od aggiornamento alla presente tariffa deve essere proposto dai Consigli Nazionali riuniti degli Ingegneri e degli Architetti, sentite, da parte dei Consigli stessi, le organizzazioni sindacali a carattere nazionale delle due categorie. Gli adeguamenti dei compensi a tempo ed a quantità stabiliti dalla presente tariffa saranno proposti congiuntamente dai Consigli Nazionali con riferimento alle variazioni dell'indice generale dei prezzi stabiliti dall'Istituto Centrale di Statistica ogni qualvolta le variazioni di detto indice, rispetto a quelle corrispondenti alla data di approvazione della tariffa ed ai successivi scatti, superi il 10%.
I Consigli degli Ordini sono gli organi competenti e qualificati ad esprimere parere sia sulla applicazione ed interpretazione della presente tariffa, sia sulla idoneità degli elaborati a configurare l'entità della prestazione sia, infine, a esprimere giudizio di congruità sulla misura del criterio di discrezionalità adottato dal Professionista.

Art. 2. - Norme generali.
Sono da compensare con la presente tariffa tutte le operazioni afferenti la pianificazione fisica del territorio: ai vari livelli le prestazioni con i relativi onorari sono indicate e specificate nei successivi articoli.
Gli onorari per prestazioni non espressamente previste dalla presente tariffa saranno valutati a discrezione derivandoli, per analogia, dai compensi per prestazioni similari; essi devono essere concordati preventivamente o, in difetto, stabiliti dai Consigli degli Ordini: devono anche essere preventivamente concordate le maggiorazioni indicate nei singoli articoli che le prevedono.
Gli elaborati sono di massima descritti nei successivi articoli per ogni categoria di prestazione. Quando per legge o per Regolamento o per necessità del Committente siano richiesti tipi diversi di elaborati o altri in aggiunta, detti elaborati saranno precisati nel numero, nelle caratteristiche e nelle scale più opportune dalle modalità di incarico, che ne prevederà anche il particolare compenso suppletivo da concordare sulle basi della presente tariffa.
Nel caso che l'incarico sia affidato dal Committente a più Professionisti non si verificano gli estremi di incarico collegiale.
Nessun aumento spetta invece ai gruppi di professionisti spontaneamente costituiti.
In aggiunta agli onorari come sopra indicati spettano in ogni caso i compensi a tempo ed i rimborsi spese previsti dagli articoli 10 e 11 della presente Tariffa.
Tali compensi e rimborsi possono essere conglobati, previo accordo fra le parti, nella misura risultante dalla Tabella B allegata.

Art. 3. - Prestazioni.
Le prestazioni professionali riferentesi all'urbanistica hanno per oggetto:
1)_Piani generali:
1/A - piano territoriale di coordinamento;
1/B - piano regolatore a livello comprensoriale (intercomunale) e comunale;
1/C - piano di settore: (paesistico, infrastrutturale, di sviluppo turistico, di sviluppo industriale e simili);
1/D - programma di fabbricazione e regolamento edilizio.
2)_Piani di esecuzione:
2/A - piano particolareggiato e di zona (lottizzazione);
2/B - piano particolareggiato di risanamento e conservazione.

Art. 4. - Piano territoriale di coordinamento - 1/A.
I compiti del Professionista o del gruppo professionale e gli elaborati da presentare per il piano territoriale di
coordinamento all'Ente committente, saranno concordati fra l'Ente medesimo ed il Professionista o gruppo professionale incaricato, in quanto tale piano stabilisce l'indirizzo di sviluppo urbanistico di un territorio la cui area, definita in sede politico amministrativa, supera i limiti di un piano a livello intercomunale e può raggiungere anche l'area di una provincia o di più province fino ad interessare una intera regione e i cui confini non coincidono necessariamente con quelli amministrativi.
Gli onorari, stante l'ampiezza e la variabilità del tipo d'incarico, saranno stabiliti a discrezione, sulla base di un preciso programma di lavoro.

Art. 5. - Piano regolatore a livello comprensoriale (intercomunale) e comunale - 1/B
Le prestazioni del professionista per la formazione dei piani regolatori comprensoriali (intercomunali) e i piani regolatori comunali i quali definiscono le destinazioni d'uso del territorio e le relative norme di attuazione comprenderanno di norma:
a)_l'analisi dello stato di fatto, individuando il sistema delle infrastrutture, degli impianti e delle attrezzature di uso
pubblico, nonché i caratteri geologici, idrologici, paesistici e naturali del territorio interessato dal piano, tenendo anche conto della situazione riscontrata nel territorio circostante;
b)_le previsioni degli insediamenti, lo sviluppo e la trasformazione degli insediamenti abitativi e produttivi stabilendone le destinazioni d'uso, le relative norme tecniche di attuazione del piano e le eventuali indicazioni per la stesura del regolamento edilizio;
c)_le previsioni delle infrastrutture; degli impianti e delle attrezzature pubbliche e d'uso pubblico;
d)_i perimetri delle zone di interesse paesistico e storico artistico, le relative modalità di utilizzazione e le eventuali
prescrizioni speciali d'uso;
e)_i programmi e le fasi di attuazione.
Gli elaborati tipici relativi alle prestazioni del presente articolo devono essere almeno i seguenti:
1)_relazione preliminare sulle scelte fondamentali e sugli indirizzi che sono stati assunti per la redazione del piano;
2)_relazione generale analitica dello stato di fatto;
3)_relazione illustrativa con l'indicazione dei problemi e delle esigenze conseguenziali alla analisi delle soluzioni proposte riferite ad un congruo periodo di tempo e dei relativi criteri di scelte;
4)_planimetria in scala non inferiore a 1:10.000 del territorio sottoposto a pianificazione con indicazione dello stato di fatto;
5)_planimetria in scala non inferiore a 1:10.000 con indicazione sintetica delle destinazioni e con designazione della rete viaria e delle principali infrastrutture;
6)_planimetria in scala non inferiore a 1:5.000 con la chiara indicazione di tutte le previsioni oggetto del piano;
7)_norme tecniche di attuazione ed eventuali prescrizioni d'uso, con particolare riferimento alla normativa generale da adottare per i piani urbanistici esecutivi;
8)_eventuali prescrizioni per il regolamento edilizio;
9)_programma e fasi di attuazione con particolare riferimento alle priorità per i piani urbanistici esecutivi e le opere di pubblico interesse;
10)_quant'altro occorra a consentire la corretta interpretazione del piano;
11)_relazione contenente le proposte dei progettisti in merito alle osservazioni presentate al P.R.G.
L'Ente committente ha il compito di fornire tutto il materiale topografico necessario, definito d'accordo con il Professionista e con la sua assistenza e consulenza compreso lo stato di fatto aggiornato dell'intero aggregato urbano; la documentazione relativa ai caratteri geologici, idrologici e naturali del territorio interessato; tutti i dati statistici relativi alla demografia; alla produzione e distribuzione; alla consistenza ed alla attività edilizia relativa all'ultimo decennio; alle condizioni economiche e sociali della popolazione, ai mezzi di locomozione ed all'intensità del traffico interno. Fornirà inoltre l'elenco degli edifici storici ed artistici, nonché i dati relativi a tutti gli elementi normativi, vincolistici e programmatici, che interessano il territorio oggetto del piano. L'Ente committente dovrà inoltre fornire gli studi socio-economici atti a determinare le previsioni di sviluppo del territorio da pianificare. Il materiale cartografico analitico e statistico di cui sopra costituiràl'oggetto della «relazione generale analitica dello stato di fatto» di cui al punto 2) e della «planimetria dello stato di fatto» dicui al punto 4).
Gli onorari da corrispondere per il piano regolatore comunale vengono determinati in funzione del numero degli abitanti nel territorio comunale alla data dell'incarico secondo le aliquote della allegata tabella A e interpolando linearmente per i valori intermedi.
Per i piani regolatori comprensoriali, quando gli elaborati richiesti siano quelli previsti per i piani regolatori comunali, il compenso verrà calcolato come media tra l'importo relativo al comprensorio nel suo insieme e quello calcolato come somma degli importi relativi ai singoli Comuni inclusi nel comprensorio.
Per i centri di nuova formazione gli onorari devono essere determinati in base alla popolazione prevista per i centri
medesimi entro un periodo massimo di venti anni.
Per le stazioni di cura, soggiorno e turismo, la popolazione va calcolata in base alla punta di massima affluenza dell'ultimo triennio.
Oltre all'onorario stabilito come sopra, sono da applicare le seguenti integrazioni da determinare col committente all'atto dell'incarico:
a)_per il particolare carattere storico artistico o l'importanza della zona ai fini del soggiorno e del turismo, per le zone soggette alle leggi sulle bellezze naturali o comunque particolarmente interessanti paesisticamente: aumento dal 10 fino al 30%;
b)_per la complessità di problemi derivanti dalle caratteristiche orografiche geologiche, e idrologiche del territorio:
aumento dal 5 fino al 20%;
c)_per la complessità di problemi derivanti dalla particolare struttura economica, produttiva e di traffico: aumento dal 10 al 30%;
d)_per la previsione di incremento di popolazione superiore al 50% in anni 20, aumento dal 10 fino al 30%.
Dette integrazioni vanno applicate tenendo conto delle elaborazioni specifiche effettivamente svolte dal professionista in relazione ai temi suddetti secondo l'entità delle caratteristiche cui si riferiscono: esse sono cumulabili fino ad una integrazione massima complessiva del 50%.
Quando il Committente non fornisce la documentazione di cui al precedente 3º comma o la fornisca soltanto in parte, al Professionista è dovuto il rimborso delle spese necessarie per il reperimento e l'approntamento di detto materiale.
Costituisce incarico a sé stante lo studio e l'elaborazione del regolamento edilizio o la consulenza a detta elaborazione. Gli onorari per le suddette prestazioni saranno determinati con criterio discrezionale preventivamente concordato.

Art. 6. - Piani generali di settore - 1/C
I piani generali di settore comprendono i piani paesistici, i piani delle infrastrutture, i piani di sviluppo turistico, i piani di sviluppo industriale e simili.
Il contenuto di questi piani urbanistici, alla dimensione territoriale, comprensoriale o comunale, che disciplinano lo sviluppo del territorio in funzione di problemi settoriali, come la tutela e la valorizzazione del paesaggio, l'individuazione e lo sviluppo di zone turistiche o industriali, la pianificazione della edilizia scolastica e ospedaliera, quella delle autostrade, acquedotti, infrastrutture elettriche, ecc., sarà quello dalle specifiche leggi vigenti all'atto del conferimento dell'incarico o in assenza dal disciplinare d'incarico.
Gli elaborati previsti per questi piani saranno analoghi a quelli già descritti per il piano regolatore territoriale comprensoriale o comunale, ad eccezione della scala delle planimetrie che sarà adottata nella misura più conveniente alla chiara indicazione delle previsioni del settore considerato.
E' compito del committente di fornire al Professionista tutto il materiale cartografico, analitico, statistico e i relativi elaborati conclusivi, come indicato all'art. 5 per il piano regolatore.
Quando il committente non fornisca il suddetto materiale, vale quanto già detto all'art. 5. 
Gli onorari da corrispondere per l'elaborazione di questi piani dovranno essere valutati come un compenso discrezionale da determinarsi tra le parti sulla base di un preciso programma di lavoro: per i piani infrastrutturali che comportano anche lo studio di alcune delle infrastrutture previste nei piani stessi, vanno, in aggiunta, applicate le tariffe afferenti alle prestazioni richieste.

Art. 7. - Programma di fabbricazione e regolamento edilizio - 1/D
Il programma di fabbricazione da redigersi a cura dei Comuni sprovvisti di piano regolatore, ai sensi della vigente
legislazione a corredo del regolamento edilizio dovrà contenere l'indicazione dei limiti di zona; dei tipi edilizi in essa
consentiti e l'analisi dello stato di fatto, individuando il sistema delle infrastrutture degli impianti e delle attrezzature di uso pubblico, nonché i caratteri geologici, idrologici, paesistici e naturali del territorio interessato dal piano tenendo conto anche della situazione riscontrata nel territorio circostante.
Gli elaborati saranno costituiti da:
1)_planimetria in scala non inferiore a 1:10.000 del territorio sottoposto a pianificazione con indicazione dello stato di fatto;
2)_una planimetria in scala non inferiore a 1:5.000 con la indicazione delle zone e delle destinazioni, delle direttrici di espansione e la designazione della rete viaria; delle infrastrutture e dei servizi pubblici con particolare riguardo a quelli a livello di insediamento;
3)_una tabella o una descrizione delle tipologie edilizie;
4)_una relazione nella quale siano illustrati i criteri in base ai quali è stato compilato il programma;
5)_quant'altro occorra a consentire la corretta interpretazione del programma.
L'onorario per la redazione del programma di fabbricazione e relative norme è fissato nella misura del 40%, dai compensi base stabiliti per i piani regolatori corrispondenti.
L'eventuale redazione del regolamento edilizio verrà compensata con criterio discrezionale concordato preventivamente.
E' compito del Committente di fornire al Professionista tutto il materiale cartografico, analitico, statistico e i relativi
elaborati conclusivi come indicato all'art. 5 per il piano regolatore.
Quando il Committente non fornisca il detto materiale vale quanto già detto all'art. 5.

Art. 8. - Piani particolareggiati e di zona (lottizzazioni) - 2/A
Il piano particolareggiato che sviluppa le direttive ed i criteri tecnici stabiliti dei piani di cui costituisce l'attuazione
conterrà di norma i seguenti elementi:
a)_la delimitazione del perimetro delle aree interessate;
b)_la precisazione tecnica degli interventi e delle trasformazioni;
c)_i progetti di massima delle infrastrutture comprese le sezioni stradali quotate sia longitudinali sia trasversali;
d)_la indicazione planivolumetrica degli insediamenti, la progettazione schematica delle relative opere di urbanizzazione primaria e la specificazione delle attrezzature;
e)_la indicazione delle utilizzazioni delle opere da convenzionare o soggette ad espropriazione;
f)_le norme tecniche di attuazione ed eventuali prescrizioni speciali;
g)_programmi e fasi di attuazione;
h)_dati sommari di costo.
Sono assimilabili ai piani particolareggiati e pertanto compensabili con gli stessi criteri stabiliti nel presente articolo tutti quei piani che, anche se non derivano da una committenza pubblica e se non rivestono un carattere ufficiale, comportano lo stesso impegno di studio e di elaborazione come per esempio i piani particolareggiati di nuovi insediamenti o di quartieri, i piani di lottizzazione da convenzionare, i piani di ricostruzione; nel caso di piano di lottizzazione spetta al professionista incaricato, ove richiesto, la consulenza nella redazione della convenzione.
Gli elaborati tipici relativi alle prestazioni del presente articolo sono di norma:
1)_relazione illustrativa dei criteri di impostazione del piano;
2)_una o più planimetrie del piano particolareggiato disegnate sulla mappa catastale contenente tutti gli elementi delle previsioni sopra descritte;
3)_grafici in scala compresa tra 1:500 e 1:200 indicanti i profili altimetrici, i tipi architettonici degli edifici, le sezioni delle sedi stradali e le sistemazioni a verde o a zone speciali;
4)_le norme tecniche di attuazione ed eventuali prescrizioni speciali;
5)_piano dei comparti edilizi ed elenchi catastali delle proprietà da espropriare o da vincolare;
6)_programmi e fasi di attuazione;
7)_relazione sulle spese necessarie alla esecuzione delle opere pubbliche e degli espropri nei limiti indicati dal committente;
8)_quanto altro occorra a consentire la corretta interpretazione del piano.
E' compito del Committente di fornire in accordo con il Professionista tutto il materiale cartografico, topografico, o catastale necessario ed aggiornato, nonché i rilievi e dati statistici relativi alla demografia, all'industria, ai commerci, agli impianti, alle attrezzature ed alle infrastrutture della zona considerata: in particolare quanto necessario per la redazione degli elaborati di cui alle voci 5), 6), 7).
Quando il committente non fornisca il suddetto materiale, vale quanto già detto per il caso analogo dell'articolo 5. Per la eventuale stesura degli elaborati non compresi nelle prestazioni del professionista il compenso sarà concordato a discrezione.
L'onorario da corrispondere al Professionista va determinato come segue:
a)_sommatoria di due termini il primo riferito alla superficie del terreno considerato dal Piano particolareggiato ed il secondo al complesso delle volumetrie esistenti e di progetto della superficie considerata in base alle prescrizioni del Piano Regolatore. I coefficienti relativi sono così stabiliti: Lire 150.000 per ettaro di superficie del territorio e L. 15 in ogni mc. di costruzione;
b)_adeguamento del compenso come sopra determinato in base ai coefficienti indicati dalla seguente tabella:

- per superficie fino ad uno > coeff. 2,8
- per superficie fino ad Ha due > coeff. 1,8
- per superficie fino ad Ha tre > coeff.1,5
- per superficie fino ad Ha cinque > coeff.1,3
- per superficie fino ad Ha dieci > coeff. 1,0
- per superficie fino ad Ha venticinque > coeff. 0,9
- per superficie fino ad Ha cinquanta > coeff. 0,8
- per superficie fino ad Ha cento > coeff. 0,7
Per i valori intermedi si opera per interpolazione lineare.
Per superfici superiori a Ha 100 il compenso sarà determinato con criterio discrezionale preventivamente concordato.
Oltre agli onorari di cui sopra spettano al Professionista le seguenti maggiorazioni da concordarsi preventivamente:
a)_per difficoltà dovute all'andamento altimetrico del terreno o alla presenza di elementi particolarmente vincolanti
(attrezzature, infrastrutture prevalenti rispetto all'edilizia, edifici monumentali, servizi ecc.) aumento fino al 20%;
b)_per i piani comprendenti zone di ristrutturazione viaria ed edilizia aumento fino al 50%.
Quando l'incarico del piano particolareggiato è affidato allo stesso compilatore del P.R.G. l'onorario previsto viene ridotto del 10%.
Le eventuali prestazioni per calcoli delle aree, frazionamenti, formazione dei piani parcellari di esproprio e degli elenchi di espropriazione e per i preventivi occorrenti alla compilazione del piano finanziario vanno compensate a parte, a tempo od a
discrezione a seconda delle particolari caratteristiche delle prestazioni. Parimenti vanno compensate a norma della presente tariffa tutte le prestazioni che il Professionista dovesse compiere qualora l'Ente committente non dovesse fornire la documentazione indicata dagli articoli.

Art. 9. - Piani particolareggiati di risanamento e conservazione - 2/B
I piani particolareggiati esecutivi dei centri storico-artistici ed ambientali che attuano la conservazione degli edifici e degli spazi pubblici e privati aventi caratteristiche storico-artistiche ed ambientali e la sistemazione degli edifici stessi mediante opere di restauro architettonico e di risanamento interno devono essere basati su un rilievo particolareggiato di ogni singolo
edificio e di ogni elemento che presenti pregi architettonici o artistici e su rilevamenti socio-economici. I rilevamenti
particolareggiati necessari e i dati informativi e statistici saranno forniti dal committente, o saranno compensati mediante corresponsione degli onorari previsti dalla Tariffa professionale, oltre al rimborso delle spese sostenute.
Nei piani suddetti devono essere indicati gli edifici da restaurare e da risanare, la destinazione di uso degli edifici,
l'eventuale rifusione particellare, la sistemazione degli spazi. L'onorario da corrispondersi per i piani particolareggiati di risanamento e comparti di ristrutturazione è valutato con le norme previste dalla presente tariffa per i piani particolareggiati (art. 8), elevando il coefficiente volumetrico a L. 30 per mc. di costruzione, applicato sia agli edifici esistenti che a quelli di progetto.
Saranno compensate a parte, con gli onorari previsti dalla presente Tariffa le prestazioni relative ai calcoli delle aree, frazionamenti, formazione di piani parcellari di esproprio ed elenchi di espropriazioni, preventivi inerenti alla compilazione del piano finanziario.

Art. 10.
 - Compensi a tempo
In aggiunta agli onorari indicati dalla presente tariffa, e nei casi previsti dalla stessa, al Professionista spettano i compensi valutati in ragione di tempo, e computati a vacazione oraria, per tutte quelle prestazioni nelle quali il tempo concorre come elemento precipuo di valutazione.
Sono in particolare da computarsi a vacazione:
a)_i rilievi di qualunque natura;
b)_le pratiche amministrative presso uffici pubblici, i convegni informativi con il Committente, o con altri nel di lui
interesse;
c)_il tempo diurno e notturno impiegato nei viaggi di andata e ritorno;
d)_le pratiche catastali come indagini, ricerche, identificazioni, confronti tra il vecchio e il nuovo catasto, ecc.
Gli onorari a vacazione spettano al professionista incaricato per ogni ora o frazione di ora. Qualora egli debba avvalersi di aiuti, avrà diritto inoltre ad un compenso per ogni aiuto.
Gli onorari a vacazione sono stabiliti nelle misure:
a)_di L. 3.000 ora per il Professionista;
b)_di L. 1.800 ora per i suoi aiuti laureati;
c)_di L. 1.080 per ogni altro aiuto di concetto.
Salvo i casi di effettiva maggiore prestazione professionale e salvo le ore effettivamente impiegate nei viaggi, non si
possono calcolare più di 10 ore sulle 24.
Per operazioni compiute in condizioni di particolare disagio, i compensi di cui al presente articolo possono essere aumentati sino al 50%.

Art. 11. - Spese da rimborsare
Il Committente deve sempre rimborsare al Professionista le seguenti spese:
a)_di viaggio, di vitto e di alloggio fuori residenza nonché di trasporto fuori studio professionale sostenute da lui e dal personale di aiuto e le spese accessorie;
b)_di bollo, di registri del contratto professionale, dei diritti di uffici pubblici o privati, dell'imposta generale sull'entrata, del rimborso delle tasse di liquidazione da parte degli Ordini professionali;
c)_di scritturazione, di dattilografia, di riproduzione di elaborati e disegni eccedenti la prima copia, di traduzioni di lingue estere, di fotografie, di documenti, di rilegazioni fascicoli, di spese postali, telefoniche e telegrafiche;
d)_di autenticazione delle copie di atti, relazioni, disegni, ecc.;
e)_di personale occorrente per rilievi, saggi, indagini tecniche, amministrative, legali e simili.
Le spese di viaggio su ferrovie, piroscafi, aerei, ecc. vengono rimborsate sulla base della tariffa di prima classe (con eventuali aggiunte di supplementi vari e di quelle per vagone letto nei viaggi notturni in ferrovia) per il Professionista incaricato ed i suoi sostituti, e della classe immediatamente inferiore per il personale di aiuto.
Le spese per percorrenza su strade tanto con mezzi propri, quanto con mezzi noleggiati, sono rimborsate integralmente secondo le ordinarie tariffe chilometriche.

Art. 12. - Disposizioni varie
Tutti gli onorari afferenti alle prestazioni urbanistiche possono essere parzializzati come segue:
--_progetto di massima costituito dagli elaborati tipici di cui agli articoli 5, 7, 8 redatti in stesura sommaria ma sufficiente ad identificare i criteri generali informatori del piano cui spetta il 40% del compenso complessivo;
--_progetto definitivo costituito dagli elaborati necessari al completamento dell'incarico professionale cui spetta il 60% del compenso medesimo.
Le successive eventuali prestazioni, compreso l'esame delle osservazioni od opposizioni e la stesura delle controdeduzioni, saranno compensate a parte con criterio discrezionale o a vacazione.
Le varianti o modifiche richieste dal Committente saranno compensate a discrezione previo accordo con il Committente stesso.
Gli acconti relativi alle prestazioni professionali effettuate saranno commisurati al compenso e versati in corso di studio proporzionalmente alle effettive prestazioni fornite.
Per una rateizzazione dei compensi, sia per il progetto di massima che per il progetto definitivo, si possono considerare le seguenti percentuali:
--_dieci per cento all'incarico;
--_trenta per cento al termine del progetto di massima;
--_trenta per cento alla consegna del progetto definitivo;
--_venti per cento all'approvazione del committente;
--_dieci per cento e conguagli a saldo non oltre un anno dalla consegna del progetto definitivo.
I compensi per le prestazioni accessorie e rimborsi saranno versati periodicamente durante il lavoro di progettazione.
Eventuali rifacimenti dopo gli esami delle Autorità, per particolari prescrizioni di queste, saranno compensati a parte con criteri discrezionali o di analogia al tipo di prestazione o a vacazione, secondo intese da stipulare con il Committente.

Tabella A 
Redazione di piano regolatore generale comunale o intercomunale Onorari base da applicarsi secondo le norme degli artt. 4 e 6 ai Piani Regolatori comprensoriali e comunali e ai programmi di fabbricazione.
Comune fino abitanti 1.000 L. 1.500.000
» » » 2.000 L. 2.400.000
» » » 3.000 L. 3.200.000
» » » 4.000 L. 3.800.000
» » » 5.000 L. 4.500.000
» » » 10.000 L. 7.000.000
» » » 25.000 L. 13.000.000
» » » 50.000 L. 19.000.000
» » » 100.000 L. 26.000.000
» » » 200.000 L. 37.000.000
» » » 300.000 L. 46.000.000
Per i comuni con popolazioni superiori gli onorari saranno determinati a discrezione. Per i valori intermedi si opera per interpolazione lineare.

Tabella B 
Urbanistica
Percentuali per la determinazione delle spese rimborsabili conglobate in relazione agli onorari base della Tabella.
Onorari fino a L. 500.000 spese pari al 55% dell'onorario
» » 1.000.000 » » » 50% »
» » 2.500.000 » » » 45% »
» » 5.000.000 » » » 41% »
» » 7.500.000 » » » 38% »
» » 10.000.000 » » » 35% »
» » 15.000.000 » » » 31% »
» » 20.000.000 » » » 28% »
» » 25.000.000 » » » 25% »
» » 30.000.000 » » » 22% »
» » 40.000.000 » » » 19% »
» » 50.000.000 » » » 17% »
» » 60.000.000 » » » 15% »
» » 70.000.000 » » » 13% »
» » 80.000.000 » » » 12% »
» » 90.000.000 » » » 11% »
» » 100.000.000 » » » 10% »
Per gli importi superiori il rimborso spese sarà pari al 10% dell'onorario.
Per gli onorari intermedi si opera per interpolazione lineare.